Come il design valorizza e innova il bello

Il 2 marzo prosegue il nuovo ciclo di seminari proposti dal DCE Piceno con esempi virtuosi e concreti nel campo delle eccellenze del bello del buono e del benfatto

Dopo l'excursus sulle buone prassi per la valorizzazione dei patrimoni del Bello, del Buono e del Benfatto, il ciclo di seminari proposti dal Distretto Culturale Evoluto Piceno - volto a portare all'attenzione del pubblico, degli addetti ai lavori, delle istituzioni e dei partner di progetto l'importanza della valorizzazione  dei patrimoni culturali - proseguirà analizzando una serie di esempi virtuosi che evidenziano il ruolo del design nel processo di tutela e promozione dei patrimoni stessi.

Primo appuntamento lunedì 2 marzo, ore 9.30 al Palazzo dei Capitani di Ascoli: aprirà la sessione l'AIAP, Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva, da settant'anni attiva nel panorama italiano per favorire e diffondere la valorizzazione e lo sviluppo della professione e della cultura del progetto grafico, associando ad oggi oltre 800 professionisti. Presente in tutta Italia, tra le tante attività, l'Aiap è particolarmente interessata a incentivare una formazione professionale non semplicemente tecnica, ma culturale nel senso più ampio e profondo, sviluppando una serie di iniziative per l'aggiornamento professionale in un ottica di formazione permanente e di qualità.

A seguire Re.design Calabria, un progetto di promozione e diffusione del design in Calabria, legandolo al patrimonio culturale regionale, come strumento, o meglio, metodo d'elezione per valorizzare l'identità dei luoghi e dei territori e migliorare la qualità della vita delle comunità che li abitano. “Il design – con la sua carica di creatività e rigore, per la sua finalità pragmatica volta ad intervenire nella realtà - molto più di altre pratiche creative può essere individuato come metodica necessaria allo sviluppo”.

Sentiremo poi l'esperienza dello studio Ma:design, uno studio di comunicazione integrata con sede a Pesaro che ci dirà come è essere un team di professionisti della comunicazione impeccabile, portando casi concreti a supporto.

E infine ascolteremo il progettista multimediale Riccardo Castaldi, che ci parlerà del suo percorso, delle sue collaborazioni, raccontandoci i suoi progetti più interessanti.

Tutte storie di design, driver per la divulgazione, la crescita e la tutela del bello e dei suoi patrimoni.

 

I commenti sono chiusi

Progetto realizzato dal Consorzio Universitario Piceno, con il contributo scientifico della Scuola Architettura e Design "E. Vittoria", promosso e sostenuto dalla Regione Marche e dalla Camera di Commercio di Ascoli Piceno